Progetto ” PASTO ASSISTITO ” al San Martino di Belluno Ecco la testimonianza che una delle ragazze ha voluto inviarci. Credo non servano ulteriori parole di commento per spiegare quanto questo tipo di aiuto possa essere determinante nel percorso di guarigione.

Progetto ” PASTO ASSISTITO ” al San Martino di Belluno Ecco la testimonianza che una delle ragazze ha voluto inviarci. Credo non servano ulteriori parole di commento per spiegare quanto questo tipo di aiuto possa essere determinante nel percorso di guarigione.

“Scorro distrattamente la pagina Facebook fino a quando la mia attenzione non ricade su di un trafiletto di giornale ritagliato con cura, proprio come si fa con le notizie importanti:” Aiuti a Margherita” Maicol vive ancora”. Mentre leggo l’articolo , lo sguardo si sofferma su quella fotografia a lato che ritrae un volto sorridente, una ragazza dagli occhi luminosi e vitali:in quello scatto ho potuto intravvedere tanta dolcezza e voglia di vivere.
Quando mi è stato proposto il ” pasto assistito” ero restia ad accettare perchè credevo di non essere all’altezza, di non poter meritare un aiuto simile, ma con il supporto di un persona fidata, capace di vedere più oggettivamente la mia situazione, mi sono convinta ed ho abbandonato i pensieri negativi e le insicurezze per dare spazio ad una nuova esperienza.
Non avrei potuto fare scelta migliore!
L’avvio di questo progetto ha donato, a me personalmente, nel momento giusto, quell’aiuto specifico che aspettavo inconsciamente da tempo: dopo un lungo percorso di psicoterapia, dove ho riscoperto me stessa a sono tornata a valorizzare la persona che sono interiormente, sentivo il bisogno di un sostegno più ” concreto”, di essere supportata anche durante il momento più critico, quello del pasto, dove il caos emotivo e il turbinio di pensieri mi estraniano dalla realtà. Non credevo possibile alzarmi da tavola con il sorriso, dialogare serenamente con le persone durante il pranzo, e invece questo è ciò che sta accadendo dopo alcuni mesi di costante lavoro insieme alle psicologhe e ad altre ragazze simili a me, ma uniche nel loro genere. Questo è stato un aiuto ulteriore che ho potuto accogliere nella mia città, senza dovermi allontanare da casa e quindi dall’affetto e dal supporto che possono darmi le persone a me più care: non posso che ritenermi davvero fortunata! Il ” Progetto Maicol ” ha riacceso in me la speranza e il desiderio di riconquistare il Vivere, mi ha spronato a continuare le lunghe battaglie per raggiungere il Mio traguardo: la Libertà.
Se anche il mio sguardo sta tornando ad essere luminoso è anche grazie a voi. Non posso che ringraziare calorosamente la famiglia e gli amici di Maicol insieme all’ ass Margherita, persone preziose che stanno dando a me e ad altre ragazze un supporto importante per tornare a spiccare il volo, lontano da quella maledetta gabbia divenuta ormai troppo stretta.

Leave a Comment

Name*

Email* (never published)

Website

L’Associazione Margherita Belluno aderisce a

logo coordinamento nazionale disturbi alimentariLOGO FENICE

Associazione Margherita Belluno Viale Roma n. 64 32014 Ponte nelle Alpi (BL). e-mail: assmargheritabl@libero.it Telefono: 331 91 86 820
Per contributi codice IBAN: IT41 E058 5611 9010 9257 1310 685